Sapone fatto in casa: l’idea ecologica ed economica che si prende cura dell’ambiente e delle tasche

Preparare un sapone fatto in casa è un’idea per fare del bene al nostro Pianeta e per risparmiare. Ecco come farlo in maniera facile.

Di saponi ne esistono diversi tipi e con le più svariate fragranze. Si possono usare per lavare il viso, le mani e il corpo e, in base ai loro ingredienti, possono avere proprietà idratanti, lenitive, purificanti, ma sopratutto lasciano un profumo incantevole.

Sapone fatto in casa: un'idea ecologica
Il sapone fatto in casa è un’idea ecologica per risparmiare – ilecce.it

Piuttosto che acquistarli nei negozi per la cura della persona o nei supermercati, si può realizzare un ottimo sapone fatto in casa con pochi ingredienti e facilmente. Così si fa del bene all’ambiente e anche al portafoglio. Ecco come fare.

Come preparare un sapone fatto in casa

Per preparare il sapone fatto in casa si parte semplicemente dagli avanzi dei vecchi saponi che si hanno già in casa e che restano quasi sempre inutilizzati o addirittura vengono buttati via.

Sapone fatto in casa: come prepararlo
Come preparare un sapone fatto in casa – ilecce.it

Si possono riciclare e dare così vita ad un nuovo sapone, da usare per lavare viso, mani, corpo, con un attenzione in più al Pianeta e alle proprie tasche. Per realizzare il sapone fatto in casa, oltre agli scarti dei vecchi saponi, bisogna procurarsi questa strumentazione:

  • una pentola
  • acqua
  • un mestolo di legno
  • un coltello
  • degli stampi in silicone per saponi

Il procedimento per realizzarlo è davvero rapido e veloce: per prima cosa bisogna tagliare in diversi pezzi i residui delle saponette che già si hanno in casa; quindi riporli in una pentola. Qui dentro bisognerà aggiungere acqua, in una proporzione 1/10 del totale. La pentola con acqua e pezzi di sapone va a questo punto posta sul fuoco a fiamma bassa e, regolarmente, bisogna mescolarne il contenuto con un mestolo di legno, in modo che non si formino grumi. Tutto il sapone deve sciogliersi in maniere uniforme e dare vita ad una miscela cremosa.

Quando la consistenza sembra quella giusta, si potrà togliere la pentola dal fuoco e versare il contenuto nei diversi stampi per sapone, da lasciare a riposo per almeno un giorno, in modo che si solidifichi. A questo punto si potrà togliere il sapone fatto in casa dallo stampo e si avrà sempre pronta una saponetta, da conservare nel tempo e utilizzare quando se ne ha bisogno.

Come visto basta davvero poco per ridare vita agli avanzi dei saponi che, spesso, vengono buttati via o inutilizzati. Si potrà ottenere così un nuovo e profumatissimo sapone fatto in casa con pochi semplici gesti.

Impostazioni privacy